GIORNATE IN PARADISO

1 a

“Su le dentate scintillanti vette salta il camoscio, tuona la valanga da ghiacci immani rotolando per le selve croscianti …”

Salendo la Valle Orco, sopra Ceresole Reale, ripercorrendo orme di Carducciana memoria, si accede al versante piemontese del Parco Nazionale Del Gran Paradiso.

Un parco da Re, che offre scenari di incomparabile bellezza ed eccezionali opportunità fotonaturalistiche in tutte le stagioni.

Anche d’inverno è  ricco di un grande fascino selvaggio e di fauna che, nonostante la durezza del clima, trova il modo di aspettare con fiducia la primavera.

Innanzi tutto, al parcheggio si incontra una volpe golosa.1

Io non avevo nulla da darle e, comunque, non le avrei dato nulla per principio.2

Così se ne è andata sconsolata.

3
Poi, si prosegue nella neve per Chiappili.
4

e più su ancora.

5 ab

Finalmente si trovano i primi camosci.

5 bis
immersi nella neve fresca caduta il giorno prima.

7 a

6b

7 bis

6

Che fatica !!!

8 bis

Dai, venite, vi aspetto !

10 b

10

Viene a salutare un gracchio alpino.

11 bis
E finalmente si vede lo stambecco, simbolo del Parco.

12

13 a

Sempre più in su.

13 bis

Riecco i camosci.

14 a

14 bis

10 ter

“salta il camoscio”

16

17

E dopo tanto saltare e posare, un po’ di riposo…

20

” ma da i silenzi dell’effuso azzurro esce nel sole… il gipeto (mia variante) e distende in tarde ruote digradanti il suo bel volo solenne…”

21

Spettacolare, anche se un po’ lontano…

22

…però, che ambientazione !!!

23

7 commenti

  • Dennunzio_Roberto

    cavoli che foto!!!! come ti ho gia detto il gipeto ambientato con la luna …è qualcosa di fantastico…ma.. tutte le altre non sono da meno… il camoscio in salto è uno spettacolo….complimenti!!!

  • Questi sono scatti…..questo è un articolo…. La volpe…. Quanto è bella.. È ancora un tabù per me… Prima o poi riuscirò a fotografarla ….
    Mauro i miei più sentiti complimenti…

  • gabrielepagliari

    Complimenti per il bellissimo racconto inclusi i riferimenti poetici.
    Complimenti anche per le splendide foto inclusa la Volpe che l’ignoranza umana ha fatto si che sia più assimilabile ad un animale domestico piuttosto che selvatico.
    Da queste foto si capisce quanto sia difficile per Camosci, Stambecchi, Gipeto ed altri animali ancora superare i rigori dell’Inverno e procurarsi il cibo.
    Anche per me la preferita è quella del Gipeto con la luna sullo sfondo.

  • per la serie “non ti sei fatto mancare niente” tutte splendide foto, il gipeto con la luna e’ da urlo
    Ciao
    Valentino

  • Ciao, non so se cominciare facendo i complimenti per gli scatti o per il racconto..
    le immagini, parlano da sole, una più bella dell’altra..
    quella del gipeto e la luna.. è da incorniciare.. la volpe è bellissima, ho avuto la “possibilità” di fotografarla anche io, in altra condizione, ma sulla neve è unica..
    i camosci sono bellissimi e li, in effetti, si “lasciano” fotografare nel migliore dei modi..
    che altro dirti… solo una cosa..
    io sono stato li per la prima volta un paio di mesi fa, non ero mai stato a Ceresole, ci sono stato con tantissima neve, le ciaspole per muovermi, una giornata di sole splendido e cielo blu..
    ad un certo punto, ho mandato un messaggio al “gruppo wildlife”..
    “Il Paradiso esiste.. Dio esiste”… questo è per me quel posto..
    complimenti ancora per il racconto e grazie di averlo condiviso con noil..

  • Grazie Maxim per i generosi commenti. Condivido pienamente il tuo sentimento finale.
    Le foto che ho pubblicato sono state evidentemente scattate d’inverno, dopo abbondanti nevicate. Anch’io ho affrontato scoscesi pendii con le ciaspole, arrancando dietro agli ungulati.
    Peraltro ti posso dire che conosco piuttosto bene il posto e ti garantisco che offre scenari meravigliosi in tutte le stagioni.
    Dopo la metà di maggio, quando aprono la strada al Colle del Nivolet, si dischiudono possibilità vertiginose. Vale senz’altro la pena di ritornarci !
    Mauro

  • gran belle immagini incorniciate da un beliissimo racconto
    “Dopo la metà di maggio, quando aprono la strada al Colle del Nivolet, si dischiudono possibilità vertiginose”
    questa me la segno.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...