in fuga dall’afa.. brezza orobica

Domenica 28 luglio. Sveglia presto, e con la mia “tutor” si scappa dall’afa. destinazione l’alta Val Brembana.
Poco traffico, si viaggia bene. Giunti a destinazione, nel parcheggio stanno allestendo delle bancarelle con prodotti locali.
Un salto dagli amici del Ristorobie per i saluti e 4 chiacchere. Dopo un buon caffè, zaino in spalla e si parte. La tutor è preoccupata, non conosce la meta, ma conosce me e questo la dice lunga sulla fiducia nella “guida”.
Il sentiero sale ripido, la sciura borbotta ma cammina. finalmente (per lei) si arriva al tratto molto panoramico e in piano. 300mt sotto di noi il parcheggio è stracolmo (risatina di soddisfazione) puntiamo ad ovest verso il passo di Salmurano. in prossimità del monte Avaro c’è una prateria con una grossa colonia di marmotte abbastanza confidenti. Le vecchie fanno la guardia e i piccoli giocano.
FR1D2886-marmottineFR1D2904-marmotta

scesi dall’Avaro puntiamo ad un laghetto. Ci accampiamo per mangiare e riposare. Mentre mi sistemo un culbianco si posa a 3 metri, naturalmente la reflex era ancora nello zaino. Intorno a noi la compagnia non manca, un giovane spazzacamino viene a trovarci. i via vai si susseguono.FR1D2935-codirosso-spazzacamino

Ad un certo punto la tutor nota qualcosa volteggiare sopra la cima del Valletto dove è presente una termica. Scatto ugualmente per documentare l’avvistamento. si tratta di un biancone, un aquila di medie dimensioni piuttosto rara dalle nostre parti
FR1D2965-biancone

volteggia a lungo, probabilmente è in caccia di qualche serpente, una virata secca e lo perdo.
Patrizia, dice che è sceso a terra, tra le rocce che sovrastano il sentiero per il Benigni. dopo un po lo rivediamo è sempre ad altezze siderali. sparisce quando da ovest è in arrivo un
aliante, il sibilo delle ali è bestiale. il velivolo sfrutta la termica
del valletto per riprendere quota e sorpresa.. sopra di lui il biancone. spettacolo!!
FR1D2971-alianteSilenzio, bel fresco e nessuno intorno. giornata perfetta.
Dopo la lunga sosta si scende per un sentiero alternativo poco frequentato. la discesa è ripida , ma stranamente non sento lamentele. Il percorso segue un torrentello ricco di pozze frequentate dagli abitanti alati. Il giro è quasi finito,
quando su delle rocce noto dei culbianchi
FR1D2983-culbiancoci sistemiamo alla benemeglio, purtroppo niente rete mimetica, errore che pagherò carissimo. sono sempre intorno a noi, passano sulla testa e si fermano sulle rocce distanti 10 metri.
le mie orecchie sentono un verso mai udito prima, proviene da un pinetto, naturalmente la prima a vederlo è sempre la tutor. i piccoletti sono agitati, incuranti della nostra presenza si rincorrono e discutono,
nel comportamento ricordano i verdoni.
si tratta di fanelli, i maschi spiccano per il petto e il vertice della testa macchiato di rosso.
FR1D3001-fanelliiFR1D3005-fanelli

Per un’ora provo ad avvicinarmi, niente da fare. e lascio perdere.
Il trekking volge alla fine, avvistati pure dei gracchi.

si scende la polenta ci aspetta…

…Domenica prossima altra fuga dall’afa, so di un roccolo in quota tra bosco e prateria!!

9 commenti

  • Complimenti fabio,che dire… che foto!!!!!!
    Ps.come va giu al tuo harem?

  • Fabio io ci sono andato sabato ! ..avevo anche la rete mimetica ma non sono riuscito a fare foto da vicino comunque… bel racconto e belle foto, complimenti veramente !

  • Mi sa che domenica hai beccato il caldo anche a quelle altezze. Bello il racconto ricco di dettagli, sulle foto un plauso per i fanelli ambientati.

  • Teo. in questo periodo il mio posto è in riposo biologico. niente umani.
    Domenica per nulla caldo. tanto sole e un bellissimo venticello, bastava una nuvola e sentivi fin troppo fresco

  • ciao fabio… hai passato una bella giornata con “la tutor”… qualche bello scatto lo hai portato a casa… la polentina in quota… cosa vuoi di più…. non credo che i piccoletti siano molto “avvicinabili” anche con la rete fogliata… ma ci andrò a fare un giro anche io e ci provo… bello il biancone, il colpaccio sarebbe stato beccarlo più da vicino… ma va bene cosi.. giornata “+”… alla prossima

  • …ho trovato un masso che permette di usare la rete com se fosse l’entrata del capanno, al resto della copertura ci pensa mamma natura. anche solo 2 metri di guadagno è una manna.

  • Fanelli é codirossi avvicinati in Vallespluga, appoggiati di schiena ad un cespuglio con rete foliata davanti. Soggetti a 5/6 metri. Vedere la foto nel racconto.

  • sti miscredenti!! grazie Vate per il supporto alla tesi.

  • ciao… le ho viste le foto… quelli della valle spluga, sono pagati dalla proloco… quelli della valbrembana…. sono wild….. buona giornata…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...