Gita a Noli (SV)

Oggi, uno dei weekend più freddi degli ultimi 300 anni, ripenso a un mesetto fa, alla “gita in giornata” con la mia mogliettina a Noli, bellissima località ligure vicina a Savona. Sole, mare, un po’ di riposo ma anche macchina foto al collo e ricerca di possibili soggetti wildlife, non si sa mai. Gli unici abitanti del luogo (sopra la superficie dell’acqua) sembrano essere i gabbiani. Li vedo oggi con occhi diversi, un tempo erano parte del paesaggio ligure e basta, oggetti più o meno bianchi privi quasi di fascino… oggi li vedo con occhio “fotografico”, noto dei particolari, vedo differenze tra l’uno e l’altro, li confronto con quelli molto più piccoli che vedo sul PO, osservo i loro movimenti, mi sembra di individuare rituali legati al cibo o al territorio o all’accoppiamento.

Qui un maschio “focoso” alla ricerca della partner ideale

IMG_7184_bis

Per me, fotografo alle prime armi, è tutto esercizio, tutto “buono” per fare un po’ di pratica. Noto sul bagnasciuga un tronco portato dalle onde, marcio, diversi gabbiani gli volano attorno, forse c’è qualche organismo al suo interno… in breve gli uccelli sono una trentina, bellissimi, ne immortalo due, il “rosso” sul becco e attorno all’occhio, giuro, non lo avevo mai notato prima

IMG_7148 IMG_7089_bis

Mi esercito, come ogni buon fotografo dovrebbe fare, col “tiro a volo” e cerco di immortalare qualche bel gabbiano in volo. La mia macchina ha dei limiti fisici notevoli in questa specialità, più volte ho fallito e fallisco miseramente, la messa a fuoco di una bridge non è quella di una reflex, la cosa sembra quasi impossibile ma non demordo e due discrete immagini le tiro fuori dal cappello

IMG_7242_bis IMG_7199_bisIMG_7019_bis

Per chi legge questo post sarà una bazzeccola, per me è stato un lavoro spaventoso mettere a fuoco e tenerle il fuoco sull’uccello in movimento, decine di altre foto sono finite nel cestino 🙂 🙂
L’elicottero che insegue il gabbiano è stato… un colpo di fortuna!!

Finisco con una classica posa di un gabbiano su una parte di vela, al tramonto, per me molto suggestiva

IMG_7247

Termino il racconto con una considerazione e mi rifaccio a quanto scritto da Massimo in un precedente post “chi conosce questo pirla, lo avvisi che se si va in natura a fotografare, almeno di stare sdraiati e vestiti di verde”… ecco anche io sono stato distratto più volte nel corso della giornata, non è possibile fotografare tranquilli rischiando di inciampare continuamente in robe così… almeno questa era sdraiata e un po’ di verde ce l’aveva ma che stress… certo che a volte la vita è proprio dura!!

IMG_7101_bis

Un saluto a tutti da Flavio (nick Mazzarri) il torinese

5 commenti

  • Complimenti bella gita!!!!

  • è incredibile la varietà di gabbiani esistenti… anch’io tendo a non farci molto caso perchè non li considero animali molto affascinanti, ma invece anche loro sono tutta una scoperta.
    bye bye

  • bravo Flavio, come ho già detto, con tutti i limiti della “strumentazione”, il risultato lo porti a casa.. Noli è bellissima, è una piccola cittadella storica, e non dimentichiamo, era una delle repubbliche marinare, ha dei bei fondali e li vicino, appena fuori dal golfo, verso capo Noli, ho fotografato i cavallucci marini ed il San Pietro… ma torniamo alla terra, il gabbiano effettivamente è snobbato, ma quando lo si vede librarsi in cielo e volare, radente il mare, da un senso di libertà unico… tra l’altro ho cercato su Wiki, quello rossiccio dovrebbe essere un giovane, in via di muta, impiegano tre anni a cambiare il piumaggio in modo definitivo… per quanto riguarda l’ultimo scatto… avrei fatto cambio volentieri con quello “dei fangosi”… anzi, cosi, non avrebbe fatto scappare niente… anzi….
    bravo, aspettiamo qualche altro racconto… lo spirito del blog, oramai ti ha invaso…. a presto

  • Bhè in effetti manca una foto della cittadina ! 😛

  • Grazie dei commenti ragazzi!!! Sono fortunato possessore della “guida degli uccelli” il libro della LIPU e alla voce gabbiani non vi dico, 20 PAGINE tutte su di loro sono tantissimi… quelli da me fotografati dovrebbero essere un adulto e un giovane (come giustamente fa notare Maximus) di Gabbiano Reale… i fondali di Noli sono stupendi, Capo Noli in particolare è stranissimo per la Liguria con i suoi fondali di 400m di profondità a pochi metri da riva… ciao!!!!!!!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...