Un Breve Racconto Sul Delta Del Danubio

Nell’estremo nord-est della Romania, ai confini con l’Ucraina, il delta del Danubio è più selvaggio che mai. Regala scorci di natura autentica e tramonti idimenticabili.
Qui c’ è “Ultima Frontiera”, centinaia di ettari dove i padroni non sono gli uomini ma i cavalli allo stato brado, vacche, tori e naturalmente una ricca avifauna. Per arrivare sino a questo sperduto lembo d’Europa ci siamo affidati a Skua Nature che ha sede nel vercellese, un’organizzazione specializzata nel trovare location per fotografi naturalisti. Volo Milano-Bucerest, dalla capitale in auto sino a Tulcea e poi due ore di barca veloce. Alla fine abbiamo messo piede a “Ultima Frontiera” dove ha sede un resort dotato di tutti confort (wi-fi compreso). Intorno nessuna traccia umana, niente strade asfaltate, niente negozi, niente bar. Solo il delta del Danubio con le sue meraviglie naturali.
A “Ultima Frontiera” Skua  Nature” ha messo alcuni capanni dotati di vetro riflettente sottilissimo e dei capanni mobili collocati a secondo delle esigenze. Ma quello che non ti aspetti sono le potenzialità in caccia vagante. Solo un esempio: il primo giorno, accompagnati da esperte guide ornitologiche, abbiamo fotografato dal nostro fuoristrada, in due diverse occasioni, il picchi nero. Distanza: 10-15 metri, su ramo e a terra vicino ad un ceppo. Immagini fantastiche anche grazie all’ottima luce.
Le ghiandaie marine sono ovunque, nella zona paludosa, in quella di bosco e in una zona rurale abbandonata. Si possono fotografare perfine nell’erba. Uno dei capanni ci ha permesso l’incontro con il rarissimo sciacallo dorato e con il martin pescatore, fotografato nel rito del corteggiamento e poi nella fase di accoppiamento. I gruccioni erano appena arrivati e si lasciavano ritrarre dall’auto mentre da un altro capanno abbiamo immortalato il codirosso maschio e femmina e l’usignolo maggiore.
A “Ultima Frontiera” si può fare anche tutto da soli. Si prende una delle auto elettriche e si va in giro a fotografare. In questo modo abbiamo fissato immagini ottime di basettino, pendolino, stiaccino, calandrella, bigiarella, cannaiola. Tra gli aironi il più comune è quello rosso ma non mancano garzette e airone bianco maggiore. Presenti, in una determinata area, i limicoli. Soprattutto combattenti, piro piro, gambecchi nani e totani mori.
Insomma alla fine del soggiorno avevo personalmente nel carniere 11 specie nuove e fotografo da oltre vent’anni.
Provate anche voi.

Alcuni scatti effettuati con “LA LAMA”

basettino 3-1

martin pescatore accoppiamento 4-1

pendolino 2-1

sciacallo dorato 2-1

stiaccino 1

Fotografie e racconto di Lorenzo Zuntini.

7 commenti

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...